Sous la peau

Aardvark Film Emporium

TITOLI
Originale
Sous la peau
deutsch
Sous la peau
français
italiano

DATA D'INIZIO
Svizzera
25.06.2020
Svizzera tedesca
25.06.2020
Svizzera romanda
16.09.2020
Ticino
24.09.2020
NUMERO DI VISITATORI

Il numero di visitatori elencati rappresenta ciò che è stato riportato e registrato per questo film a partire dalla data di uscita.

Svizzera
619
Svizzera tedesca
265
Svizzera romanda
354
Ticino

CAST & CREW
Regia
Robin Harsch
Produttore
Britta Rindelaub
Soggettista
Robin Harsch
Musica
Le Bruit. (Alain Frey)
Attore
Documentary:
Logan
Söan
Effie Alexandra
Alexia Scappaticci
Manon Zbinden
L'ETÀ D'ACCESSO

Dall’1.1.2013, tutti i film proiettati pubblicamente nei cinematografi sono classificati per categorie d’età dalla "Commissione svizzera del film e della tutela dei giovani". L’età indicata ("Permesso a partire da") esprime il fatto che, a partire da quell’età, la visione del film non dovrebbe comportare alcun danno per un bambino/giovane. Un bambino/giovane che ha raggiunto tale età può dunque vedere il film da solo. Se egli è accompagnato da una persona detentrice dell’autorità parentale, tale soglia d’età può essere ridotta al massimo di due anni (ad esempio, "permesso a partire da 10 anni" significa che l’interessato che ha raggiunto tale soglia d’età potrà accedere da solo alla visione, mentre un interessato che ha raggiunto gli 8 anni d’età potrà accedervi solo se accompagnato da una persona detentrice dell’autorità parentale.
"Consigliato a partire da" significa che un bambino/giovane è in grado comprendere il contenuto del film a partire da quell’età.
Ulteriori informazioni all’indirizzo: filmrating.ch

L'età legale
10
Età consigliata
12

CONTENUTO

“Oggi si parla di LGBTI, ma ci sono più lettere!
Non ci sono, nell’alfabeto, abbastanza lettere per definire tutte le sfumature dell’umanità".
Effie Alexandra, protagonista

SOTTO LA PELLE parla prima di tutto dell’incontro. Per 2 anni, ho seguito 3 giovani Trans* avanzare su questo campo di battaglia, dove si affrontano questioni di genere, e soprattutto di identità.
Il film è stato concepito in modo che ogni uno si possa mettere al posto di colui che incontrava Logan, Söan, Effie Alexandra. Ho messo da parte tutta la mia educazione e la mia cultura binaria, aiutato dall’autenticità di questi giovani e dei loro genitori.
Robin Harsch, regista

“Quello che resta è il bambino. Femmina, maschio, bambino.
Non ci sono “lui” o “lei”.”
Mamma di Söan

IMMAGINI